Cerca

Marea

e il naufragar m'è dolce in questo mare

Mese

novembre 2006

…e poi come fare a non crederci?… come dicevo è tutto il giorno che penso ad Anto. Lui ed io ci siamo conosciuti in ambito lavorativo… siamo stati colleghi.

Oggi pensavo a come aiutare sua mogli e sua figlia a sentire un po’ meno la solitudine in questo primo natale senza di lui. Ci ho pensato davvero tanto.

Alle due ho sentito la canzone… la certezza che mi stava ascoltando….

… e poi 15 minuti fa mi ha chiamata uno studio di amministrazione condominiale. Ho il colloquio lunedì mattina….in uno studio che già mi conosce perchè qnni fa mio padre ha fatto dei lavori per i loro condominii. Ho mandato il curriculum due giorni fa. Il solo fatto che mi abbiano chiamato mi rende felice e non mi fa sentire incastrata in questo posto. Che sia un caso? Io pensavo di aiutare le persone che lui ama, e lui cerca di aiutare me….

io non credo lo sia…

…e poi come fare a non crederci?… come dicevo è tutto il giorno che penso ad Anto. Lui  ed io ci siamo conosciuti in ambito lavorativo… siamo stati colleghi.

Oggi pensavo a come aiutare sua mogli e sua figlia a sentire un po’ meno la solitudine in questo primo natale senza di lui. Ci ho pensato davvero tanto.

Alle due ho sentito la canzone… la certezza che mi stava ascoltando….

… e poi 15 minuti fa mi ha chiamata uno studio di amministrazione condominiale. Ho il colloquio lunedì mattina….in uno studio che già mi conosce perchè qnni fa mio padre ha fatto dei lavori per i loro condominii. Ho mandato il curriculum due giorni fa. Il solo fatto che mi abbiano chiamato mi rende felice e non mi fa sentire incastrata in questo posto. Che sia un caso? Io pensavo di aiutare le persone che lui ama, e lui cerca di aiutare me….

io non credo lo sia…

 

E’ successo ancora… pensavo ad Anto… è spuntata una canzone dolcissima dalla radio, l’intro di chitarra come piace a me e poi parole…

Ballando al buio

Stadio

Pensi all’amore
pensando a me
ti batte il cuore
dimmi perché
le paure che hai
i sogni incerti
non confonderti mai
saran tuoi sempre

Senti l’amore
stringiti a me
ti batte il cuore
dimmi perché
questo tempo per noi
e’ poco e prezioso
passerà, prima o poi
e non tornerà
se ti stringo un po’ di più
ballando al buio, in silenzio
il tempo, il tempo sorriderà
ballando al buio in silenzio.

Ti bacio piano
piccola mia
bacio il respiro
che porta via
le paure che hai
i sogni incerti
non li scorderò mai
saran per sempre
se ti stringo un po’ di più
ballando al buio in silenzio
il tempo il tempo sorriderà
ballando al buio in silenzio
in silenzio…

E’ successo ancora… pensavo ad Anto… è spuntata una canzone dolcissima dalla radio, l’intro di chitarra come piace a me e poi parole…

Ballando al buio

Stadio

Pensi all’amore
pensando a me
ti batte il cuore
dimmi perché
le paure che hai
i sogni incerti
non confonderti mai
saran tuoi sempre

Senti l’amore
stringiti a me
ti batte il cuore
dimmi perché
questo tempo per noi
e’ poco e prezioso
passerà, prima o poi
e non tornerà
se ti stringo un po’ di più
ballando al buio, in silenzio
il tempo, il tempo sorriderà
ballando al buio in silenzio.

Ti bacio piano
piccola mia
bacio il respiro
che porta via
le paure che hai
i sogni incerti
non li scorderò mai
saran per sempre
se ti stringo un po’ di più
ballando al buio in silenzio
il tempo il tempo sorriderà
ballando al buio in silenzio
in silenzio…

Questa mattina ero in macchina, il sole caldo e la nebbiolina dei miei vetri sporchi. Sentivo il calduccio, pensavo ad Anto. Il calduccio dei suo abbraccioni e del suo sorriso. Pensavo mentalmente  a tutti gli appuntamenti che avrò per il natale… lui non ci sarà. Quest’anno niente pranzo insieme.

Penso alla piccola, il primo natale senza papà….penso a S.  spero tanto che riesca ad essere forte.  Vorrei riuscire a scriverle qualcosa, farla sentire meno sola… ma come si fa?  Niente potrà sostituire l’allegria di Anto, il senso di protezione che riusciva a trasmettere.

Ma che ti è venuto in mente Anto di sparire così? Ma son cose che si fanno?

Mi manchi…..

Questa mattina ero in macchina, il sole caldo e la nebbiolina dei miei vetri sporchi. Sentivo il calduccio, pensavo ad Anto. Il calduccio dei suo abbraccioni e del suo sorriso. Pensavo mentalmente a tutti gli appuntamenti che avrò per il natale… lui non ci sarà. Quest’anno niente pranzo insieme.

Penso alla piccola, il primo natale senza papà….penso a S. spero tanto che riesca ad essere forte. Vorrei riuscire a scriverle qualcosa, farla sentire meno sola… ma come si fa? Niente potrà sostituire l’allegria di Anto, il senso di protezione che riusciva a trasmettere.

Ma che ti è venuto in mente Anto di sparire così? Ma son cose che si fanno?

Mi manchi…..

E’ qui.. l’ho visto, l’ho sentito. E’ annidiato in qualche meandro oscuro di questo posto inospitale. L’ho visto planare sopra le nostre teste. Un volo pesante, goffo, rumoroso. Di quei voli che quando si schianta sopra qualcosa fa un rumore "coriaceo".

Abbiamo urlato isteriche l’architetto ed io…. Marco il nostro supereroe di fiducia a  demolito mezza expo per trovare la nuova tana della besta insidiosa… tutto inutile.

Adesso lui è li pacifico che telefona, l’Archi ed io fingiamo di lavorare roteando gli occhi a 360° per monitorare la situazione. Lo sappiamo che è vicino… potrebbe toccarci… potrebbe sorprenderci… potrebbe ucciderci!!!!!!

 

 

E’ qui.. l’ho visto, l’ho sentito. E’ annidiato in qualche meandro oscuro di questo posto inospitale. L’ho visto planare sopra le nostre teste. Un volo pesante, goffo, rumoroso. Di quei voli che quando si schianta sopra qualcosa fa un rumore “coriaceo”.

Abbiamo urlato isteriche l’architetto ed io…. Marco il nostro supereroe di fiducia a demolito mezza expo per trovare la nuova tana della besta insidiosa… tutto inutile.

Adesso lui è li pacifico che telefona, l’Archi ed io fingiamo di lavorare roteando gli occhi a 360° per monitorare la situazione. Lo sappiamo che è vicino… potrebbe toccarci… potrebbe sorprenderci… potrebbe ucciderci!!!!!!

…. HO SCELTO UN MARITO GIOVANE PER INSEGNARGLI A

NON INVECCHIARE INSIEME…..

Blog su WordPress.com.

Su ↑