Cerca

Marea

e il naufragar m'è dolce in questo mare

Mese

maggio 2009

caldo statico di estate sbocciata in fretta sotto la pelle. Buio ed erba bagnata dagli irrigatori notturni. Fuori il silenzio di stelle remote, dentro il piano e una voce che vorrei fosse la mia, ma non so cantare napoletano… ma forse non serve per capire questa atmosfera….  meglio accussi.

Me vurria vestire e me ne vurria ascì

stanotte è accussì doce l’aria

e cu stu calore nun se po’ durmì

che smania m’ha pigliato ‘e camminà

Meglio accussì

suonno nun vò venì

meglio accussì

vado a cercà

qualcuno che me fa parlà.

Pianoforte e voce me pare e sentì

da na fenesta aperta vene

so stunate ‘e note e nun sà cantà

è nu motivo e tanto tiempo fa.

Meglio accussì

crire a sti note stunate

meglio accussì

fatte sentì

tanto a nuttata adda passà

tanto a nuttata adda fernì.

Meglio accussì

core stunato va

meglio accussì

vado a cercà

qualcuno che l’alba vò fa

tanto a nuttata adda passà

Annunci
caldo statico di estate sbocciata in fretta sotto la pelle. Buio ed erba bagnata dagli irrigatori notturni. Fuori il silenzio di stelle remote, dentro il piano e una voce che vorrei fosse la mia, ma non so cantare napoletano… ma forse non serve per capire questa atmosfera…. meglio accussi.

Me vurria vestire e me ne vurria ascì

stanotte è accussì doce l’aria

e cu stu calore nun se po’ durmì

che smania m’ha pigliato ‘e camminà

Meglio accussì

suonno nun vò venì

meglio accussì

vado a cercà

qualcuno che me fa parlà.

Pianoforte e voce me pare e sentì

da na fenesta aperta vene

so stunate ‘e note e nun sà cantà

è nu motivo e tanto tiempo fa.

Meglio accussì

crire a sti note stunate

meglio accussì

fatte sentì

tanto a nuttata adda passà

tanto a nuttata adda fernì.

Meglio accussì

core stunato va

meglio accussì

vado a cercà

qualcuno che l’alba vò fa

tanto a nuttata adda passà

Io da grande partirò soldato
con la giacca nuova e col fucile,
con la giacca che tu m’hai cucito
servirò la patria, a costo di morire.

Mamma, oppure no, farò il pompiere
che si getta impavido nel fuoco,
salverò la vita del mio amore,
brucerà il mio cuore di ben altro fuoco.

Mamma dammi centomila lire
che domani parto, vado a ddà il pompiere
mamma dammi centomila lire
che domani voglio fare il bersagliere.

Ecco qua le centomila lire
per l’eroico piccolo pompiere,
ecco qua le centomila lire
per le piume al vento
del mio bersagliere,
ecco qua le centomila lire
te le darò quando ti vedrò partire.

Mamma, sento che sarò poeta,
già mi vedo scrivere “Alla luna”,
“L’infinito”, “A Silvia”, la vicina
che è la nipotina della sora Bruna,

o mi faccio frate confessore,
pè sentì i peccati della gente,
soprattutto quelle delle suore
che se fanno fare, ma non se sà niente.

Mamma dammi centomila lire
che mi fo poeta pè ccantà l’amore,
mamma dammi centomila lire
che sarò domani frate confessore.

Figlio figlio che tu sia poeta,
o soldato o frate confessore,
o il pompiere che non teme niente,
se ne accorgeranno tutta quela gente:
dormi adesso ninno, nella sera
tu sarai l’orgoglio d’ogni tuo parente.

Mi dicevo quando sarò grande
sceglierò tra vivere e capire,

se dovrò cambiare le mutande
se dovrò restare, se dovrò partire:
mamma sono diventato uomo,
e mi hai dato centomila lire,
ma non sò né frate, né pompiere
nianca sò poeta, nianca bersagliere.

Sai dov’è finito il tuo bambino?
solo sopra il tetto a sonà il violino,
a sonà il violino sopra il tetto
con un muro bianco proprio dirimpetto.


Figlio, figlio, se nessuno ascolta,
la tua mamma ti farà una torta,
sono sona figlio tutta notte,
non ti disperare, tanto che ce fotte?

Mamma, mamma, forse il mio destino
era lì sul tetto a sonà il violino,
che mme frega se nessuno sente,
tanto non lo suono mica per la gente.

Sona, sona, figlio, figlio bello
mamma tua ti porta il limoncello,
e ti porta pane e pecorino
se ti viene fame prima del mattino.

Mamma, mamma, questo è il mio destino
stare sopra il tetto a sonà il violino,

dillo a babbo, dillo alle sorelle
se nessuno sente, sòno per le stelle;
dillo a babbo, dillo alle sorelle
sòno per me solo, sòno per le stelle.

Io da grande partirò soldato
con la giacca nuova e col fucile,
con la giacca che tu m’hai cucito
servirò la patria, a costo di morire.

Mamma, oppure no, farò il pompiere
che si getta impavido nel fuoco,
salverò la vita del mio amore,
brucerà il mio cuore di ben altro fuoco.

Mamma dammi centomila lire
che domani parto, vado a ddà il pompiere
mamma dammi centomila lire
che domani voglio fare il bersagliere.

Ecco qua le centomila lire
per l’eroico piccolo pompiere,
ecco qua le centomila lire
per le piume al vento
del mio bersagliere,
ecco qua le centomila lire
te le darò quando ti vedrò partire.

Mamma, sento che sarò poeta,
già mi vedo scrivere “Alla luna”,
“L’infinito”, “A Silvia”, la vicina
che è la nipotina della sora Bruna,

o mi faccio frate confessore,
pè sentì i peccati della gente,
soprattutto quelle delle suore
che se fanno fare, ma non se sà niente.

Mamma dammi centomila lire
che mi fo poeta pè ccantà l’amore,
mamma dammi centomila lire
che sarò domani frate confessore.

Figlio figlio che tu sia poeta,
o soldato o frate confessore,
o il pompiere che non teme niente,
se ne accorgeranno tutta quela gente:
dormi adesso ninno, nella sera
tu sarai l’orgoglio d’ogni tuo parente.

Mi dicevo quando sarò grande
sceglierò tra vivere e capire,

se dovrò cambiare le mutande
se dovrò restare, se dovrò partire:
mamma sono diventato uomo,
e mi hai dato centomila lire,
ma non sò né frate, né pompiere
nianca sò poeta, nianca bersagliere.

Sai dov’è finito il tuo bambino?
solo sopra il tetto a sonà il violino,
a sonà il violino sopra il tetto
con un muro bianco proprio dirimpetto.


Figlio, figlio, se nessuno ascolta,
la tua mamma ti farà una torta,
sono sona figlio tutta notte,
non ti disperare, tanto che ce fotte?

Mamma, mamma, forse il mio destino
era lì sul tetto a sonà il violino,
che mme frega se nessuno sente,
tanto non lo suono mica per la gente.

Sona, sona, figlio, figlio bello
mamma tua ti porta il limoncello,
e ti porta pane e pecorino
se ti viene fame prima del mattino.

Mamma, mamma, questo è il mio destino
stare sopra il tetto a sonà il violino,

dillo a babbo, dillo alle sorelle
se nessuno sente, sòno per le stelle;
dillo a babbo, dillo alle sorelle
sòno per me solo, sòno per le stelle.

Ho finito da poco di leggere il libro di Anna Quindlen "Londra immaginata". Lo consiglio a chi, come me, è innamorato della città e ai molti che non la amano pur non conoscendola…

" Può darsi che io sia stata fortunata nel programmare i miei soggiorni, ma non mi sono mai imbatuta nel tempo inclemente che è diventato uno dei tipici clichè londinesi. Al contrario, sono sempre stata affascinata dalla sua luce, che sembra possedere una tonalità argentata che contribuisce a creare un’atmosfera spirituale e rarefatta"

Ho finito da poco di leggere il libro di Anna Quindlen “Londra immaginata”. Lo consiglio a chi, come me, è innamorato della città e ai molti che non la amano pur non conoscendola…

Può darsi che io sia stata fortunata nel programmare i miei soggiorni, ma non mi sono mai imbatuta nel tempo inclemente che è diventato uno dei tipici clichè londinesi. Al contrario, sono sempre stata affascinata dalla sua luce, che sembra possedere una tonalità argentata che contribuisce a creare un’atmosfera spirituale e rarefatta”

Ariete (21 marzo – 19 aprile)
Le pulci dei cani saltano più in alto di quelle dei gatti. Perché pensi che lo facciano, Ariete? Forse dovresti usare le tue accresciute capacità mentali per chiarire questo grande mistero. Scherzo! Anche se nelle prossime settimane sarai insolitamente abile nel risolvere enigmi e chiarire ambiguità, penso che, per vivere meglio i prossimi mesi, dovresti dedicarti a   questioni veramente importanti e non a problemi futili come il salto delle pulci.
hahahahhahhahahaha

Ariete (21 marzo – 19 aprile)
Le pulci dei cani saltano più in alto di quelle dei gatti. Perché pensi che lo facciano, Ariete? Forse dovresti usare le tue accresciute capacità mentali per chiarire questo grande mistero. Scherzo! Anche se nelle prossime settimane sarai insolitamente abile nel risolvere enigmi e chiarire ambiguità, penso che, per vivere meglio i prossimi mesi, dovresti dedicarti a questioni veramente importanti e non a problemi futili come il salto delle pulci.
hahahahhahhahahaha

Ieri al corso pre parto ci hanno chiesto di descrivere come immaginiamo sia stato il nostro periodo prenatale, soprattutto da un punto di vista uditivo…. questo è quanto…

IO NELLA PANCIA: 1976
C’era una voce di donna squillante ed allegra che spesso cantava. Talvolta si tramutava in una carezza sussurrata, sopratutto quando la luce diventava buio e restavamo sole io e lei, con la mia mano che cercava la sua attraverso il confine sferico del mio mondo.
Spesso sentivo improvviso lo scalpiccio di piedi piccoli, ma non certo più piccoli dei miei.  Deby. Dicevano sempre quel nome e scoprii più tardi il volto riccioluto  e curioso  di mia sorella. Lei aveva già capito che ero una femminuccia, lo diceva sempre a tutti. Mi voleva con i capelli rossi, ma rimase ugualmente soddisfatta quando la mamma le disse che ero nata gialla.
Appena sveglie e la sera tardi sentivo papà. La sua mano era grande,  la sentivo forte sulla pancia e la sua voce era calda. Papà parlava poco ma mi accorgevo della sua vicinanza  perchè la pancia della mamma diventava distesa e rilassata e io stavo più comoda. Mi addormentavo cullata dai loro sogni.
Ogni tanto, soprattutto quando la mamma era un po’ triste, sentivo una  voce forte  e allegra che parlava una lingua strana. Mi chiamava "butina"  e io non sempre capivo cosa diceva. Quando arrivava sentivo rumori di pentole e profumo del cibo che la nonna aveva preparato per noi.
Se era domenica sentivo rumori di casa in costruzione, cariole e mattoni che sarebbero stati la mia seconda casa… dopo la pancia della mamma. 

LA MIA PANCIA: 2009
Papà sussurra un buon giorno, appoggiando la mano sulla pancia, mi chiede se sono sveglio e io, assonnato, do un calcetto per farmi sentire. Poi rumore di doccia, di passi veloci, un bacio leggero a noi due e la porta che si chiude.
Restiamo soli, la mamma ed io , chiaccheriamo un po’, mamma mi racconta i sogni strani che fa. Poi ci vestiamo, ma prima la mamma mi massaggia un po’ e iniziamo la giornata. C’è sempre un po’ di musica di sottofondo a volte agitata a volte più lenta.
Squilla il telefono, la mamma parla e tante volte si arrabbia strizzandomi un po’. Mi tocca scalciare per riavere il mio spazio. A pranzo c’è festa, tutti a tavola dalla nonna che mi parla sempre vicino al pancino. Il cuginetto fa un sacco di confusione …. e tra pochi mesi io lo aiuterò.
Poi torniamo al lavoro, ma nel pomeriggio è tutto più tranquillo.
Rumori di pentole e la moto in giardino mi dicono che papà è tornato a casa e ci coccolerà fino all’ora della nanna.

Blog su WordPress.com.

Su ↑