Cerca

Marea

e il naufragar m'è dolce in questo mare

Mese

luglio 2009

consapevole del fatto che qualche naso si arriccerà e sull’onda di quanto successo nel paese accanto al mio (Parabiago)… mi sento di urlare che anche trincerarsi dietro alla parola "normalità" è una forma di violenza sulle donne… anche questa volta sfociata nella "sindrome di medea"

consapevole del fatto che qualche naso si arriccerà e sull’onda di quanto successo nel paese accanto al mio (Parabiago)… mi sento di urlare che anche trincerarsi dietro alla parola “normalità” è una forma di violenza sulle donne… anche questa volta sfociata nella “sindrome di medea”

DOCCIA FATTA, KAFTANO BIANCO,

IL MIO PICCOLO CHE DANZA CON ME,

LENNON NELLO STEREO…..

CHE VIITTAA

MA COME HO FATTO IERI A FARE TUTTO SENZA DI TE 🙂


Watching the wheels (John Lennon)* 

People say I’m crazy doing what I’m doing,
Well they give me all kinds of warnings to save me from ruin,
When I say that I’m o.k. they look at me kind of strange,
Surely you’re not happy now you no longer play the game.

People say I’m lazy dreaming my life away,
Well they give me all kinds of advice designed to enlighten me,
When I tell that I’m doing fine watching shadows on the wall,
Don’t you miss the big time boy you’re no longer on the ball?

I’m just sitting here watching the wheels go round and round,
I really love to watch them roll,
No longer riding on the merry-go-round,
I just had to let it go.

People asking questions lost in confusion,
Well I tell them there’s no problem,
Only solutions,
Well they shake their heads and they look at me as if I’ve lost my mind,
I tell them there’s no hurry…
I’m just sitting here doing time.

I’m just sitting here watching the wheels go round and round,
I really love to watch them roll,
No longer riding on the merry-go-round,
I just had to let it go.

 

Traduzione:

Guardando le ruote

La gente dice che sono pazzo a fare ciò che faccio,
E mi da un sacco di avvertimenti per salvarmi dalla rovina,
Quando dico loro che sto bene, mi guardano in modo strano,
(rispondendo:) Sicuramente non sei felice ora che sei fuori dal gioco.

La gente dice che sono pigro e che passo il tempo a sognare,
E mi da un sacco di consigli per illuminarmi,
E quando rispondo che mi piace guardare le ombre sul muro,
(rispondono:) Non rimpiangi i bei tempi andati, ora che non sei più in ballo?

Io me ne sto semplicemente seduto qui, a guardare le ruote che girano e girano,
Mi piace veramente vederle girare,
Niente più giostre,
Ho dovuto lasciar andare.

La gente fa domande persa nella confusione,
E quando io rispondo che non ci sono problemi,
Ma solo soluzioni,
Loro scuotono la testa e mi guardano come se io avessi perduto l’intelletto
Io dico loro che non c’è fretta…
Me ne sto seduto qui a far passare il tempo.

Io me ne sto semplicemente seduto qui a guardare le ruote che girano e girano,
Mi piace veramente guardarle girare,
Niente più giostre,
Ho dovuto lasciar andare.

DOCCIA FATTA, KAFTANO BIANCO,

IL MIO PICCOLO CHE DANZA CON ME,

LENNON NELLO STEREO…..

CHE VIITTAA

MA COME HO FATTO IERI A FARE TUTTO SENZA DI TE 🙂


Watching the wheels (John Lennon)*

People say I’m crazy doing what I’m doing,
Well they give me all kinds of warnings to save me from ruin,
When I say that I’m o.k. they look at me kind of strange,
Surely you’re not happy now you no longer play the game.

People say I’m lazy dreaming my life away,
Well they give me all kinds of advice designed to enlighten me,
When I tell that I’m doing fine watching shadows on the wall,
Don’t you miss the big time boy you’re no longer on the ball?

I’m just sitting here watching the wheels go round and round,
I really love to watch them roll,
No longer riding on the merry-go-round,
I just had to let it go.

People asking questions lost in confusion,
Well I tell them there’s no problem,
Only solutions,
Well they shake their heads and they look at me as if I’ve lost my mind,
I tell them there’s no hurry…
I’m just sitting here doing time.

I’m just sitting here watching the wheels go round and round,
I really love to watch them roll,
No longer riding on the merry-go-round,
I just had to let it go.

Traduzione:

Guardando le ruote

La gente dice che sono pazzo a fare ciò che faccio,
E mi da un sacco di avvertimenti per salvarmi dalla rovina,
Quando dico loro che sto bene, mi guardano in modo strano,
(rispondendo:) Sicuramente non sei felice ora che sei fuori dal gioco.

La gente dice che sono pigro e che passo il tempo a sognare,
E mi da un sacco di consigli per illuminarmi,
E quando rispondo che mi piace guardare le ombre sul muro,
(rispondono:) Non rimpiangi i bei tempi andati, ora che non sei più in ballo?

Io me ne sto semplicemente seduto qui, a guardare le ruote che girano e girano,
Mi piace veramente vederle girare,
Niente più giostre,
Ho dovuto lasciar andare.

La gente fa domande persa nella confusione,
E quando io rispondo che non ci sono problemi,
Ma solo soluzioni,
Loro scuotono la testa e mi guardano come se io avessi perduto l’intelletto
Io dico loro che non c’è fretta…
Me ne sto seduto qui a far passare il tempo.

Io me ne sto semplicemente seduto qui a guardare le ruote che girano e girano,
Mi piace veramente guardarle girare,
Niente più giostre,
Ho dovuto lasciar andare.

Ora ho capito perchè per anni mi sono addormentata in quella posizione. Sdraiata su di un fianco, le gambe un po’ ranicchiate, riempiendo il vuoto con un cuscino… mi allenavo ad averti con me, hai riempito quel vuoto amore mio….

Ora ho capito perchè per anni mi sono addormentata in quella posizione. Sdraiata su di un fianco, le gambe un po’ ranicchiate, riempiendo il vuoto con un cuscino… mi allenavo ad averti con me, hai riempito quel vuoto amore mio….

Oggi prima uscita ufficiale con il bimbo.


Lo ammetto mi piacciono i centri commerciali, sono pratici, hanno orari compatibili con la mia vita, a volte sono aperti di domenica, proprio quella domenica che hai finito il burro o ti serve qualcosa urgente. Impazzisco per le scale mobili, i parapetti in cristallo e le fontane coperte.
Però nulla ripaga il tour di sta mattina a salutare i nostri amici commercianti: Massimo e la sua famiglia i prestinai, Raffaella la barista del bar che tu sai, Elide del centro estetico e poi i commercianti del mercato. Le bancarelle, i colori, le signore anziane che si fermano a parlare a darmi consigli e altri che mi salutano e io non so chi siano.
Il piccolo ha dimostrato di essere quel piccolo vagabondo che immaginavo. Ha dormito, sorriso, fatto mille facce buffe e ha guardato il mondo con occhi curiosi.

 

Oggi prima uscita ufficiale con il bimbo.


Lo ammetto mi piacciono i centri commerciali, sono pratici, hanno orari compatibili con la mia vita, a volte sono aperti di domenica, proprio quella domenica che hai finito il burro o ti serve qualcosa urgente. Impazzisco per le scale mobili, i parapetti in cristallo e le fontane coperte.
Però nulla ripaga il tour di sta mattina a salutare i nostri amici commercianti: Massimo e la sua famiglia i prestinai, Raffaella la barista del bar che tu sai, Elide del centro estetico e poi i commercianti del mercato. Le bancarelle, i colori, le signore anziane che si fermano a parlare a darmi consigli e altri che mi salutano e io non so chi siano.
Il piccolo ha dimostrato di essere quel piccolo vagabondo che immaginavo. Ha dormito, sorriso, fatto mille facce buffe e ha guardato il mondo con occhi curiosi.

Cose pensate durante la giornata:

– trooopppoo calddoooo

– perchè strilli quando devi dormire e dormi quando devi stare sveglio???

– mi manca mia sorella

– poter girare di nuovo in auto ascoltando la radio è una irrinunciabile piccola gioia della vita, un privilegio da non sottovalutare.

– l’aria del finestrino, il profumo di grano tagliato, l’estate.. un dono.

Blog su WordPress.com.

Su ↑