Ho avuto un falsh mentre studiavo. Mi è apparsa l'immagine di mille anni fa, la spiaggia, i miei amici. Le serate con la chitarra, quando si stava addossati uno all'altra sulla sdraio per non sentire freddo e si cantava, si pensava, si nascondeva nel buio estivo la nostra timidezza, i nostri sogni e si perdeva la nozione del tempo e poi si correva a casa in puntuale ritardo con la voglia di vederci ancora e subito. Ecco, una serata così.

Annunci