Cerca

Marea

e il naufragar m'è dolce in questo mare

Mese

ottobre 2011

Ci sono pochi  modi per farmi davvero incazzare

… uno dei più feroci, è toccare una mia Amica….

Ci sono pochi modi per farmi davvero incazzare

… uno dei più feroci, è toccare una mia Amica….

AMICIZIA

Etimologia [modifica]

L'etimologia non deve trarre in inganno pensando al verbo latino "amicio" che significa tra l'altro vestire, indossare, bensì bisogna notare che nella parola amico c'è la radice del verbo latino amo (-as,-avi,-atum,-are) che significa amare.

AMICIZIA

Etimologia [modifica]

L'etimologia non deve trarre in inganno pensando al verbo latino “amicio” che significa tra l'altro vestire, indossare, bensì bisogna notare che nella parola amico c'è la radice del verbo latino amo (-as,-avi,-atum,-are) che significa amare.

e a te… che continui a non capire un cazzo… dedico questa giornata, perchè ti renda conto che ci sono molti modi per perdere qualcuno, alcuni categorici e non trattabili, altri semplicemente nelle nostre mani… e se non lo capisci nemmeno così… allora sei davvero una causa persa.

e a te… che continui a non capire un cazzo… dedico questa giornata, perchè ti renda conto che ci sono molti modi per perdere qualcuno, alcuni categorici e non trattabili, altri semplicemente nelle nostre mani… e se non lo capisci nemmeno così… allora sei davvero una causa persa.

Ciao stupido capellone…

 


Sto rivivendo quel giorno, insieme a Sic. Me ne rendo conto,  l'attrazione che ho per la celebrazione della morte di Sic, è un rivivere un lutto che mi hai negato. Quando te ne sei andato, hai scelto di farlo di corsa, senza fronzoli, senza una tomba, senza una foto, nessuna traccia. Non era importante per te, e non era nemmeno premeditato. Due ruote, una frazione di secondo, nemmeno il tempo di guardare il sole un secondo, formulare un pensiero, dire addio a qualcuno. Tu e Marco sull’asfalto, segni di gomme e di sangue. La piazza piena di gente, i dirigenti, i colleghi, amici e silenzio, oggi e 5 anni fa, increduli, affranti senza la capacità di associare al tuo viso, al viso di Marco, l’immagine composta e ghiacciata della morte.  La rabbia di un rito funebre, dove le parole di cordoglio, speranza, eternità sembrano vuotarsi di valore semantico e spirituale per sembrare un oltraggio al dolore. Quale speranza? Quale eternità davanti a morti così violente e radicali, davanti a giovani vedove, e a genitori che piangono un figlio, lacrime inconcepibili. Ci sono tanti modi in cui un padre o una madre piangono per il figlio, quando nasce per la gioia, per le preoccupazioni e il senso di inadeguatezza mentre cresce, di gioia per ogni sorriso e per ogni conquista. No, non esistono lacrime per un figlio che muore, e infatti la madre di Marco sorride, ancora non ha capito cosa è successo. Continuerà a parlarti, lavare le tue posate, apparecchiare al tuo posto. Continuerà a dire “la moto di Marco, la camera di Marco, la felpa di Marco, la 24 ore di Antonio, la sciarpa della Roma di Antonio”
Dopo il funerale sei sparito, e di te mi è rimasta solo l’immagine di quel fiore di pesco che piangeva petali rosa sulla mia auto. Di Marco restano tante foto, interviste. Ecco, la paura di dimenticare la tua voce che tante volte mi ha raccolto, questo è uno degli aspetti stupidi e feroci della morte. Il restare aggrappato a feticci di vita, e tu lo sapevi. Sai che mi sarei straziata su piccoli stralci di te, che lo avremmo fatto in molti, e hai fatto in modo di far sparire tutto, anche la lapide, ancora per proteggere me e quelli come me, ma questa volta non so se hai fatto bene. Il ricordo è un problema da vivi, me ne rendo conto, tu ti sei arrogato il diritto di morire e mi hai tolto la possibilità di elaborare il lutto come avrei preferito, per questo sono arrabbiata con te. Non ho mai sopportato quando decidevi per me. E la rabbia ti tiene vicino a me, come quando discutevamo per ore di inutili se e  ma. E la rabbia di oggi, per la morte di Sic, porterà via questa rabbia che sento dentro, perché lui mi sta concedendo la lentezza di un addio.
Mi vengono in mente quelle immagini allegoriche e un po’ psicopatiche, voi due, alla cave, a fare gli idioti con le moto, sporchi di fango e in piedi. Restate in sella ora, restate insieme.
Che puttanata la vita. Mentre scrivo queste righe arriva un messaggio, sono nati due gemelli. Proprio ora, proprio in questo istante quando è inevitabile sentire il passaggio del testimone di vita, proprio quando vorresti imprecare contro la morte, due schiaffi neonati ti riportano a cose terrene, ferocemente felici e reali, come lo siete stati voi, Marco e Antonio, e come lo siete ancora, come lo sarete sempre… dannazione.  E benvenuti piccoli, che con i vostri sei secondi di vita, mi avete già dato una lezione importante.   

 

Ciao stupido capellone…

Sto rivivendo quel giorno, insieme a Sic. Me ne rendo conto, l'attrazione che ho per la celebrazione della morte di Sic, è un rivivere un lutto che mi hai negato. Quando te ne sei andato, hai scelto di farlo di corsa, senza fronzoli, senza una tomba, senza una foto, nessuna traccia. Non era importante per te, e non era nemmeno premeditato. Due ruote, una frazione di secondo, nemmeno il tempo di guardare il sole un secondo, formulare un pensiero, dire addio a qualcuno. Tu e Marco sull’asfalto, segni di gomme e di sangue. La piazza piena di gente, i dirigenti, i colleghi, amici e silenzio, oggi e 5 anni fa, increduli, affranti senza la capacità di associare al tuo viso, al viso di Marco, l’immagine composta e ghiacciata della morte. La rabbia di un rito funebre, dove le parole di cordoglio, speranza, eternità sembrano vuotarsi di valore semantico e spirituale per sembrare un oltraggio al dolore. Quale speranza? Quale eternità davanti a morti così violente e radicali, davanti a giovani vedove, e a genitori che piangono un figlio, lacrime inconcepibili. Ci sono tanti modi in cui un padre o una madre piangono per il figlio, quando nasce per la gioia, per le preoccupazioni e il senso di inadeguatezza mentre cresce, di gioia per ogni sorriso e per ogni conquista. No, non esistono lacrime per un figlio che muore, e infatti la madre di Marco sorride, ancora non ha capito cosa è successo. Continuerà a parlarti, lavare le tue posate, apparecchiare al tuo posto. Continuerà a dire “la moto di Marco, la camera di Marco, la felpa di Marco, la 24 ore di Antonio, la sciarpa della Roma di Antonio”
Dopo il funerale sei sparito, e di te mi è rimasta solo l’immagine di quel fiore di pesco che piangeva petali rosa sulla mia auto. Di Marco restano tante foto, interviste. Ecco, la paura di dimenticare la tua voce che tante volte mi ha raccolto, questo è uno degli aspetti stupidi e feroci della morte. Il restare aggrappato a feticci di vita, e tu lo sapevi. Sai che mi sarei straziata su piccoli stralci di te, che lo avremmo fatto in molti, e hai fatto in modo di far sparire tutto, anche la lapide, ancora per proteggere me e quelli come me, ma questa volta non so se hai fatto bene. Il ricordo è un problema da vivi, me ne rendo conto, tu ti sei arrogato il diritto di morire e mi hai tolto la possibilità di elaborare il lutto come avrei preferito, per questo sono arrabbiata con te. Non ho mai sopportato quando decidevi per me. E la rabbia ti tiene vicino a me, come quando discutevamo per ore di inutili se e ma. E la rabbia di oggi, per la morte di Sic, porterà via questa rabbia che sento dentro, perché lui mi sta concedendo la lentezza di un addio.
Mi vengono in mente quelle immagini allegoriche e un po’ psicopatiche, voi due, alla cave, a fare gli idioti con le moto, sporchi di fango e in piedi. Restate in sella ora, restate insieme.
Che puttanata la vita. Mentre scrivo queste righe arriva un messaggio, sono nati due gemelli. Proprio ora, proprio in questo istante quando è inevitabile sentire il passaggio del testimone di vita, proprio quando vorresti imprecare contro la morte, due schiaffi neonati ti riportano a cose terrene, ferocemente felici e reali, come lo siete stati voi, Marco e Antonio, e come lo siete ancora, come lo sarete sempre… dannazione. E benvenuti piccoli, che con i vostri sei secondi di vita, mi avete già dato una lezione importante.


Chi Vince Prende Tutto
Non voglio parlare Di quello che abbiamo passato
Sebbene mi ferisca
Adesso è storia

Ho giocato tutte le mie carte
Ed è quello che hai fatto anche tu.
Non c'è più niente da dire
Nessun asso da giocare ancora

Chi vince prende tutto Chi perde si sente una nullità
Accanto alla vittoria Questo è il suo destino
Ero tra le tue braccia
Pensando di appartenerti
Credevo avesse un senso
Costruirmi un recinto
Costruirmi una casa
Pensando di essere al sicuro
Ma sono stata una sciocca

A giocare rispettando le regole
Gli dei tirano i dadi
A mente fredda
Mentre c'è chi quaggiù Perde qualcuno di molto caro
Chi vince prende tutto
Chi perde deve cadere
E' semplice e chiaro
Perché dovrei lamentarmi.
Ma dimmi, lei ti bacia Come ero solita fare io?
Si sente la stessa cosa
Quando lei ti chiama per nome?
Da qualche parte nel profondo
Dovrai pur sentire che ti manco
Ma cosa posso dire
Le regole vanno rispettate I giudici decideranno
Quelli come me sopportano
Gli spettatori dello show
Restano in platea a guardare
Il gioco continua
Amante o amico
Tanto o poco
Chi vince prende tutto

Non voglio parlarne
Se questo ti rattrista
E posso capire che tu sia venuto a stringermi la mano
ti chiedo scusa se ti rattrista vedermi così tesa e sfiduciata ma vedi,
il vincitore prende tutto il vincitore prende tutto

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑