Poesia per Natale
di Alda Merini
Natale 1988

Buon Natale, Marina,
mia rondine felice
mia adorata figliola
piena di mille grazie,
che non perdoni mai
gli sprechi di denaro:
tu non perdoni
l’usura dei poeti
la loro fantascienza
e l’eterno dolore.
Se tu non mi perdoni
che debbon dire i figli
dell’interno Naviglio
sopra cui giace inerte
la nera poesia,
quelle luci lontane
il seno della colpa
e il lubrico miraggio
di un amore perduto.
Buon Natale, Marina,
per ciò che non ho avuto.

Annunci