Sviluppi dipendenze. Sei cronicamente dipendente dalla coca cola e dalla nutella da anni e per tua fortuna non hai mai voluto iniziare a fumare, consapevole del fatto che saresti stata una fumatrice incallita. Hai sviluppato una discreta dipendenza alle poesie ma, fatto ancora più grave, hai una smodata dipendenza dalle parole. Finisci per crederci ogni volta, un pensiero altrui ti sembra un pensiero elevato, più degno dei tuoi. Un consiglio altrui ha un peso maggiore di una tua opinione, così finisci per sviluppare una dipendenza dalle persone. Si lo so, sembra un ossimoro, ti hanno sempre accusata di essere testona, ribelle, autonoma. Balle. Hai bisogno, o meglio hai avuto bisogno degli altri. Ti hanno ripetuto per anni che era giusto fare un passo indietro, appoggiarti a qualcuno e tu lo hai fatto perché pensavi che il pensiero altrui fosse più autorevole del tuo. Altre balle. In questi ultimi anni hai cercato di fuggire dalla solitudine rifugiandoti in altre solitudini più rumorose e hai pensato di non poter vivere senza alcune persone, senza le loro parole, senza i loro gesti. Hai pensato che nessuno mai ti avrebbe voluto così bene, ti avrebbe capito così nel profondo. Straballe. Ora ti sei svegliata, da qualche mese in verità, la vita ti ha costretto a recidere certi cordoni ombelicali che ormai si erano stretti intorno al collo rendendoti cianotica. Sei una donna, e per troppo tempo ti sei comportata da adolescente, ti sei crogiolata nelle debolezze e nella paura, ora è il momento di agire. Da sola, questa volta da sola. E’ vero non hai il pregio di aver scelto questa solitudine, credo che nessuno la scelga mai, ma devi avere la forza di gestirla al meglio. Sii testona, sii ribelle, sii autonoma, perché ogni errore che farai dovrai pagarlo con la tua pelle e ogni traguardo che raggiungerai dovrà farti guardare allo specchio con la stessa stima che in questi anni hai riservato solo a volti estranei. Perché erano estranei, e ora lo sai.

Annunci