il mio cucciolo, il mio angioletto, il mio piccinino… dolce  e tenero fagotto di mamma. Oggi l’ho portato a lezione con me, volevo che capisse dove sono quando sono lontana. E’ stato bravissimo, parlava a bassa voce, s’è messo a colorare in silenzio… poi ha voluto venire in braccio perchè aveva tanto sonno. Allora la mamma lo ha avvolto con tutto il suo amore, e lui è rimasto lì semi ipnotizzato nel silenzio della lezione che oggi si svolgeva nel chiostro della basilica di S. Antonio. Una cornice davvero suggestiva, quasi magica, sospesa nel tempo… e con un’acustica veramente notevole. E qui, proprio qui, il mio piccolo cuoricino ha deciso di fare un rutto che neanche alla scala quando sturano gli oboi si sente un boato del genere. Una sonorità intensa che è riecheggiata per tutto il portico coperto del convento. Ecco sono queste cose che rendono orgogliosa una mamma …

Annunci