Un tempo si diceva “voglio la prova d’amore”, la versione più romantica di “o me la dai o scendi”, ma oggi ho scoperto che non puoi sapere davvero chi è il tuo partner, se prima non gli fai pulire il bagno.
Nell’approccio agli “affari intimi” per non dire “sporchi”, si svela la vera psicologia dell’essere umano.
Tratterà tutte le superfici con lo stesso prodotto? Terrà pulito lo straccio? si accorgerà che oltre al bagnato esiste il calcare che rende opaco ogni rapporto, ehm, ogni sanitario? E ancora più nell’inconscio, pulirà ogni interstizio o solo quello raggiungibile dall’occhio umano? Riuscirà a distinguere tra sostanza (ovvero igiene) e apparenza (ovvero ordine)? Sposterà le boccette di profumo per spolverare e saprà trovare se stesso negli armadietti senza passare ore a cercare un prodotto che è sedimentato nello stesso luogo da mesi, ma che lui non riesce a vedere?
E come in molti casi nei rapporti, non è un problema di esperienza  poichè l’eventuale  mancanza della stessa può impedire un pulito perfetto, ma l’approccio è questione di saper guardare e affrontare i problemi.  Ricordate gente, un cesso è per sempre.

Annunci