Ogni volta che ti spolvero, penso che sei il mio monumento alla grandezza e alla fragilità umana. Sei la perfezione dell’arte e l’errore dell’uomo, cocciutaggine di coccio fragile che si scherma dietro un colore che sorride lasciando intravedere cicatrici sulla ceramica che sono fregi nobili.
Poi sorrido. Poi no.

Annunci