Cerca

Marea

e il naufragar m'è dolce in questo mare

Mese

settembre 2013

questa volta … solo per me

Fragile, opulenta donna, matrice del paradiso
sei un granello di colpa
anche agli occhi di Dio
malgrado le tue sante guerre
per l’emancipazione.

Spaccarono la tua bellezza
e rimane uno scheletro d’amore
che però grida ancora vendetta
e soltanto tu riesci
ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata
e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d’amore.

 

Scrivo perchè amo farlo,

ma se amo smetto di farlo.

 

Caffè Sospeso

Ciao a tutti, latito un po’ in questo periodo, completamente assorta dal lavoro.  Il tempo per un caffè sospeso, però, lo si trova sempre, si deve trovare.

Oggi esce il mio secondo caffè sul blog di Barbara Garlaschelli, che non ringrazierò mai abbastanza. Tengo in modo particolare a questo pezzo, perchè è una briciola di memoria, ma può servire a non dimenticare.

Un ringraziamento speciale anche alla SIL, Società Italiana delle Letterate, che ha voluto postare il mio pezzo. Grazie di cuore.

Il caffè della memoria (Vajont)

 

riprova, sarai più fortunato

mi vogliono triste, mi vogliono arrendevole, perchè la mia fragilità diventi banco di prova della propria forza.

spiacente prova fallita,  sono felice e forte.

è il mio turno

Così capita che a fine mese ti ritrovi con cinque euro, si si cinque, e 30 km da fare. Sei in riserva  da due giorni, che fai non ti fermi al distributore? La figura è pessima,  e ti chiedono anche se vuoi la VPower, e tu rispondi sorridendo “se mi metti la Vpower, faccio un metro e poi ti chiedo se mi aiuti a spingere”.

Si si, figura pessima. Allora sorridi al tuo benzinaio brasilero della speranza (quello in fondo al viadotto) e gli scrivi su un biglietto una parola. Lui sorride e chiede se è il tuo numero o l’indirizzo di casa. Tu sorridi di più uscendo e correndo in macchina.

Cosa ho scritto? SDIARIO con la raccomandazione di cercarlo on line.

 

 

 

 

“La poesia è registrazione rapidissima di momenti chiave della nostra esistenza. In ciò è pura, assoluta, non ha tempo di contaminarsi con nulla. Nemmeno con i nostri dubbi” (da La fiera Letteraria, giugno 1973)

3 settembre

visti i due post precedenti

 il terzo giorno si riposò

e vide che era cosa buona e giusta

2 settembre

iscrizione palestra….fatta

settembre

Settembre, mese di buoni propositi e progetti.

Oggi è il primo, quindi spazio al primo progetto.

Grazie a Barbara Garlaschelli per avermi

SDIARIATA

 

 

Blog su WordPress.com.

Su ↑